domenica 23 settembre 2012

A long lasting make up (Sì. davvero.)

Pubblicato da Ash a 19:28
Ebbene sì, sono tornata all’annosa questione che assilla le fanciulle dall’alba dei tempi. Come faccio a far stare tutto quello che mi serve per il ritocco in uno spazio piccolissimo? Giusto per fare quella one-night-stand una volta al mese (o perché no, anche più spesso) ed essere identica a come sono uscita dalla porta?
    Questo mi ha fatto saltare il guizzo. Ogni santissima volta che esco, sia estate, o sia inverno, torno a casa e sono il fantasma della gran fica che è uscita dalla porta tutta imbellettata! Ma perché diamine non ce lo posso incollare il trucco alla faccia?
    E così eccoci, che alle 3, alle 4 di mattina, ci guardiamo sconsolate allo specchio, sotto la luce gialla del bagno, e quasi non crediamo ai nostri stanchi occhi, ripetendoci: QUESTA NON SONO IO.. e ripensando a tutti gli sguardi da gatta morta che abbiamo lanciato al tizio che non ci fila di turno, convinte di avere più l’aspetto di femme fatales che di una drogata in crisi d’astinenza che poi scopriamo di avere.
    E’ ovvio che più roba ci mettiamo addosso, più avremo da perdere, quindi la mia opinione è sempre quella del less is more nel caso in cui prevediate di fronteggiare una serata che finisca solo il mattino dopo, o una giornata in mezzo alle intemperie.
    Ricordate la regola di cui sopra perché vi salverà la pellaccia in diverse occasioni!
    Il trucco ci abbandona nel corso della giornata/serata in un ordine ben preciso, che vale per almeno il 90% delle fanciulle:
  1. La prima cosa a lasciarci è il rossetto/gloss. Ebbene sì, a meno che non ve lo tatuiate sulle labbra, questo ci metterà tutto il suo impegno per finire su bicchieri, fazzoletti e labbra fortunate, quindi non fateci troppo affidamento nel tempo. La ricetta del rossetto duraturo devono ancora inventarla. Face it;
  2. In seguito ci prepariamo a dire addio al correttore. Ossessionate dall’idea che la matita o il mascara colino sulla palpebra inferiore, donandoci quel look alla Venerdì Addams che taaaanto amiamo, continuiamo a strofinare le dita, o un fazzoletto, sotto gli occhi, eliminando TUTTO il correttore/illuminante/anti-occhiaie su cui facevamo affidamento e finendo per mettere in risalto quelle rughette di espressione che ci aggiungono 10 anni in 5 minuti e ci fanno sembrare reduci da una settimana senza sonno;
  3. La matita sulla rima inferiore si prepara alla dipartita subito dopo. Anche qui vale lo stesso discorso che per il rossetto: non l’hanno ancora inventata l’alternativa al tatuaggio che ne duri almeno la metà, quindi mettiamoci l’anima in pace e prepariamoci a rinunciarci nel caso in cui il rischio “trucco che cola” sia dietro l’angolo.
  4. Signore e signori, il fondotinta! Nonostante terra, cipria e quant’altro, non c’è niente che tenga il fondotinta ancorato alla vostra faccia per ore e ore. Quindi non sperateci. Dopo un pò di drink il vostro strato epidermico comincerà ad affiorare in superficie. Ma tranquille c’è una soluzione a tutto. Continuate a leggere…
  5. Al mascara non è imputabile nessuna particolare vigliacca ritirata, anche se numerose volte capita di ricoprirsi di grumi lungo la famosa palpebra inferiore. Anche per questo l’unica soluzione potrebbe sembrare stare immobili in atmosfera protetta senza alcuna interazione col mondo esterno…e invece NO.
Come vi ho suggerito prima, nel caso in cui richiediate al vostro make-up una durata particolarmente lunga, oppure siate destinate ad ambienti ad alto rischio, la regola del “meno è, meglio è” è senz’altro la migliore. Inoltre siamo tutte ben consapevoli del fatto che il natural look è quello che ultimamente va per la maggiore, non richiede particolare abilità ed è adatto a tutte e a tutte le occasioni. Quindi procederò ad illustrarvi un make-up che potrete sfoggiare ad ogni serata, aperitivo lungo (non si sa mai dove si vada a finire…) o giornata in giro di corsa. Quindi ha numerosi vantaggi: costa meno, ma dura di più! Inoltre non avrete bisogno di niente in borsetta perché non  necessita di ritocchi!
  1. La base: una crema colorata. La famosissima BBCream di cui tutte oggi sembrano non riuscire a fare a meno, anche se tante non hanno ben chiaro che cosa sia. Diciamo che è un ibrido tra un fondotinta e una crema idratante. Non credete a quello che dicono in tv. Le BBCream non coprono le imperfezioni come un fondotinta. Illuminano, questo sì. Uniformano anche. Ma non coprono quegli odiosi brufoletti. Quindi un pò di correttore verde sugli arrossamenti, e poi via, uno strato della vostra BBCream preferita. Idrata, rende la pelle vellutata (che al buio di una serata è meglio. Chissenefrega dei brufoletti ad un certo punto insomma) e uniforma l’incarnato rendendovi radiose. La mia preferita, manco a dirlo è la BBCream di Essence. E’ disponibile in due varianti di tonalità, idrata, rinfresca e uniforma.
  2. Cipria o terra abbronzante. Non entrambe, per non sovraccaricare troppo, visto che la crema si fissa sì in questo modo, ma non più di tanto. Quindi per evitare il cosiddetto effetto “cakey” non esagerate. Prelevate il prodotto, sbattete il pennello per eliminare l’eccesso e applicate al viso un leggerissimo strato. Un velo. Non di più.
  3. Il correttore. Preparatevi a farne a meno. Un ombretto di un tono più chiaro del vostro incarnato naturale andrà benissimo. Applicatelo in polvere, sulle occhiaie, dopo la crema.
  4. Il blush. Sceglietene uno liquido che si fonda con la texture della crema e possa durare maggiormente. Inoltre si fisserà in modo duraturo applicato sulla cipria/terra e non dovrete preoccuparvene  più. Il mio preferito è il Water Blush di KIKO, una tinta facilissima da sfumare, con la quale è impossibile fare errori, e a lunghissima durata.
  5. Sulle palpebre stendete un leggerissimo strato di terra o cipria, in base a cosa avete scelto per il resto del viso. Questo asciugherà il sebo prodotto in quantità su quella parte del viso, ed eviterà al resto di colare. Non usate ombretti.
  6. La matita va evitata per ovviare al problema del crollo del make-up. Prediligete invece un eye-liner, in gel, water-proof. Resisterà al sudore, delineerà in modo marcato il vostro sguardo donandovi un cat-eye d’effetto, compensando la mancanza di particolare accento su altre parti del viso. Inoltre questo tipo di sguardo si adatta benissimo anche alle portatrici di occhiali, che non possono e non devono esagerare con il trucco sugli occhi. Il colore dipende da voi, così come la linea che volete dargli. Il mio preferito è questo: il Gel Eyeliner di Essence. E’ molto cremoso e duraturo, la sua formula è waterproof ed è disponibile in 4 colori.
  7. Il mascara. Vi sconsiglio la formula waterproof se non volete ritrovarvi alle 5 di mattina a strofinarvi gli occhi con l’acqua bollente e la soda caustica per cercare di eliminarlo. Quello usatelo in piscina. E’ sufficiente. Il mio trucco per non far colare il mascara ed avere ciglia inarrivabili sono le fibre sintetiche. Quel barattolino numerose volte mi ha salvato la vita, e non conto più le persone che mi chiedono se indosso ciglia finte. Inoltre impediscono al mascara di colare perché lo rendono indistruttibile e lo ancorano alle vostre ciglia. Le fibre si applicano così: un sottile strato di mascara come base, poi applicate le fibre con l’apposito pettinino e inondate di mascara. Ci vuole un pò di pratica, ma l’effetto merita notevolmente. Le mie preferite sono queste: Volumizing Lash Powder di Essence. Le amo. giuro.
  8. Al posto del rossetto utilizzate un burrocacao. Esatto. Il burrocacao mantiene le labbra morbide, idratate, e potrete sbaciucchiare persino il palo del telefono, ma lo farete con labbra perfette. Non sbava (per l’appunto perché non colora) e non dovete preoccuparvi che sbiadisca. Il mio preferito è questo: il burrocacao Glysolid classico. Secondo me è il migliore. L’alternativa? La tinta per labbra. Ha il vantaggio di essere super pigmentata, e di grandissima durata. Potrebbe capitare addirittura che non riusciate a toglierla neanche con lo struccante. L’unico difetto? E’ opaca. Quindi l’effetto è più di labbra tatuate di quel determinato colore, piuttosto che di rossetto. Però a mali estremi…la mia preferita è questa: Long Lasting Colour di KIKO.
 
Potete terminare il make up delineando le sopracciglia con una matita per sopracciglia e spruzzando su tutto il viso lo spray fissatore per una ulteriore tenuta. Il mio preferito è questo: Face Make-up Fixer di KIKO. 
Ora a voi! Uscite, correte e ballate all-night-long senza mai pensare al trucco. =)

Technorati Tag: ,,,,

0 commenti:

Posta un commento

Please, leave a comment

 

The Thunder of Beauty Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos